I GRUPPI PARTECIPANTI

18° Raduno Folkloristico Internazionale di Galliate
Castello Visconteo Sforzesco
dal 1 al 9 luglio 2023

18° Raduno Folkloristico Internazionale di Galliate
Castello Visconteo Sforzesco
dal 1 al 9 luglio 2023


NUOVA ZELANDA
Gruppo Maori 
 “WHEIAO”
ARGENTINA
Devoto
Ballet Municipal “Estampas Argentinas”
PORTOGALLO

GRECIA

CALABRIA
Catanzaro
Gruppo Folklorico "I Strinari di Calabria"
LOMBARDIA
Ferno (VA)
Frustatori Ferno
LOMBARDIA
Mortara (PV)
Associazione Sbandieratori “Gioco dell’Oca”
PIEMONTE
Galliate (NO)
Gruppo Folkloristico “Manghîn e Manghina”

ARGENTINA: Ballet Municipal “Estampas Argentinas” da Devoto

Argerntina Il balletto folclorico "Estampas Argentinas" è diretto dalla professoressa Gladis Caporale de Raviolo, una delle più importanti coreografe di tutto il Sud America. Il gruppo rappresenta le tradizioni, le danze, le musiche ed i costumi di tutta l'Argentina.
Argerntina Da Buenos Aires viene presentato una " Milonga" danza in coppia che probabilmente è la madre del tango argentino.La Milonga è stata creata per imitare goliardicamente il "Candombe" ballato dai meticci che svolgevano lavori di servitù nelle case delle famiglie ricche.
Dalla regione del centro dell'Argentina viene presentato il "Malambo" danza individuale maschile, nel corso della danza metterà in mostra le sue abilità con la presentazione di diverse figure di "Zapatero". (batte i tacchi e la punta degli stivali al ritmo di musica).
Argerntina Il finale dello spettacolo è cantato e suonato con una stupenda coreografia a rappresentare la bandiera nazionale..
Le molte altre danze, canzoni , musiche e gli stupendi costumi che ad ogni esibizione cambiano in scena sapranno far rivivere le tradizioni tipiche di tutta l'Argentina e del Sud America.


 


CALABRIA: Gruppo Folklorico “I Strinari di Calabria”
da Catanzaro

Calabria Da oltre 40 anni alla ribalta, il Gruppo Folklorico “ I Strinari di Calabria “ è rapidamente entrato nel novero dei più brillanti Gruppi Folkloristici Italiani grazie alla propria accurata organizzazione ed al massimo rispetto delle Tradizioni Popolari attraverso una rigorosissima trasposizione scenica. Caratteristica principale del repertorio è, indubbiamente, la sua organicità, che permette di non trascurare alcun aspetto dell’antica vita sociale, evidenziando tutti i momenti del quotidiano: lavoro e festa, gioia e dolore, amore e dispetto, fatica e protesta. Calabria Gli abiti indossati dal Gruppo nel corso delle esibizioni si ricollegano alla tradizione Calabrese più autentica: quelli femminili, è l’abito della festa delle popolane Catanzaresi risalenti la XV secolo; quelli maschili, accanto ai costumi della festa dei popolani, un costume da pecoraio di antichissima memoria. Gli strumenti utilizzati dall’orchestra sono quelli legati all’antica cultura musicale Calabrese: fisarmoniche,organetto,mandolino,chitarra,fischietto,tamburo e tamburelli.

Altre informazioni: http://www.istrinaridicalabria.eu/


LOMBARDIA: Gruppo Folkloristico “Frustatori Ferno”
da Ferno (VA)

Frustatori Il Gruppo Folcloristico Frustatori Ferno APS è nato a Ferno (VA) nell’autunno del 1984, in occasione del Palio di san Martino, che in quegli anni, vedeva coinvolto tutto il paese. Un tempo, i carrettieri erano abilissimi nell’agitare le fruste e farle schioccare per ottenere l’obbedienza degli animali da traino. Oggi lo spettacolo dei Frustatori, propone quest’ antica abilità come esibizione gestuale e sonora. Allegra e di grande effetto, consiste nel produrre rapidi e secchi schiocchi di frusta, a tempo di musica, armonizzati con l’accompagnamento musicale. Durante le varie esibizioni i Frustatori si alternano nella realizzazione di figure artistiche, spesso molto dinamiche e articolate, che creano a spettacoli ricchi di coreografie. Anche i costumi utilizzati s’ispirano all’abbigliamento degli antichi carrettieri: uomini e donne vestono con camicia, gilet e pantaloni di velluto.

Altre informazioni: http://spazioinwind.libero.it/frustatoriferno

 

LOMBARDIA: Associazione Sbandieratori “Gioco dell’Oca”
da Mortara (PV)

Gioco dell’OcaL’uso di lanciare la bandiera nacque dall’esigenza di rendere noti e visibili i comandi per muovere le schiere, nelle battaglie d’un tempo lontano. Subito, l’abilità dei lanciatori di bandiere divenne anche gioco e spettacolo dove, dai lanci più alti e dalla ricaduta delle bandiere, ognuno traeva i presagi più disparati.
L’associazione Sbandieratori “Gioco dell’Oca” Città di Mortara, è sorta nel 1969, in occasione del Palio cittadino le cui origini risalgono ai tempi di Ludovico Sforza detto “il Moro”, Duca di Milano. Indossa costumi di foggia quattrocentesca, in velluto con bordure d’oro e guarnizioni di pietre dure e perle.
Con la partecipazione tenace di molti giovani, ripropone gli antichi Giochi di Bandiera, dove tutti i movimenti e le coreografie eseguite sono frutto di severe ricerche storiche e di duri allenamenti. Perciò, gli Sbandieratori di Mortara, sin dall’origine, hanno rappresentato una parte rilevante di una delle più antiche tradizioni popolari italiane.
Significativa la partecipazione ai festeggiamenti per il bicentenario della rivoluzione francese del 1989 ritenuta la più grandiosa manifestazione mai tenutasi a Parigi.


PIEMONTE: Gruppo Folkloristico “Manghîn e Manghina”
da Galliate

Il Gruppo Folkloristico Manghin e Manghina di Galliate da 50 anni porta le tradizioni locali,Novaresi e Piemontesi in tutte le regioni Italiane ed in quasi tutti gli Stati Europei ed inoltre ha fatto due Tournèe in Messico ed Argentina.
Manghin e Manghina Negli anni dispari organizza da 35 anni il Raduno Folkloristico Internazionale, la prossima edizione sarà dal 1 al 9 luglio 2023 con la partecipazione di un Gruppo Maori dalla Nuova Zelanda, Cornamuse Scozzesi, Balletti di danza da Argentina e Grecia, un Gruppo dalla Calabria e due dalla Lombardia.Sarà ancora una volta un impegno molto gravoso e si spera in una buona partecipazione della popolazione ed in una sensibilità ad aiutare a coprire le importanti spese previste.